Portofranco Umbria: il cappuccio non serve più!

Ragazza con il cappuccio
News

Portofranco Umbria: il cappuccio non serve più!

Verso metà novembre, a Portofranco si presentano due sorelle, di 21 e 16 anni, straniere. Le ragazze, arrivate da poco in Italia, non parlano l’italiano ma per fortuna le accompagna la zia, che vive e lavora da tempo in Italia. Questa parente ci racconta che la mamma è così provata ed in difficoltà che per ora non riesce ad essere d’aiuto ai figli e per questo se ne sta occupando lei. L’aiuto immediato che ci chiede sono lezioni di italiano, consapevole del fatto che è assolutamente necessaria per intraprendere un percorso scolastico.
Altro argomento affrontato: la valutazione di un istituto scolastico adatto per la ragazza più piccola. Nel dialogo si percepiva tutta la preoccupazione della zia verso le nipoti. Ci siamo lasciati con la promessa che avremmo fatto un lavoro di ricerca avvalendoci dei nostri amici insegnanti, e che al più presto l’avremmo richiamata per fissare una prima lezione di lingua italiana.
Appena chiusa la porta, come spesso ci accade, ci investe un senso di inadeguatezza e di impotenza, nel toccare con mano un bisogno che va ben oltre il piccolo aiuto che possiamo offrire.
Il pensiero di questo incontro, del volto triste di una delle ragazze, nascosta sotto il suo cappuccio, non si allontana dalla mente, e iniziamo a pensare e ripensare ad una qualche possibile soluzione.
Poi l’idea! C’è una famiglia proveniente dal loro stresso Paese, sono degli amici e li conosciamo da molto tempo. La figlia più piccola ormai ventunenne a suo tempo ha frequentato Portofranco. Telefoniamo alla mamma, le raccontiamo delle ragazze, della zia affannata, delle difficoltà della mamma, del problema della lingua. Le chiediamo se possiamo proporre a sua figlia, ora universitaria, di venire a Portofranco a insegnare italiano alle ragazze. Lei dopo aver ascoltato le nostre parole un po’ concitate dice: «Ho appena rivissuto tutta la mia vita, di quando sono arrivata in Italia, e dico che è arrivato per noi il tempo di restituire ciò che abbiamo ricevuto e riceviamo, quando torna lo dico a mia figlia e grazie».
La sera stessa ci chiama la figlia per dire che i giorni liberi dalle lezioni sono il martedì ed il giovedì, proprio i due pomeriggi in cui Portofranco è aperto.

Dopo la prima lezione gli occhi di della ragazza sedicenne brillano… e del cappuccio non c’è più bisogno.

Patrizia, di Portofranco Umbria

Sostieni Portofranco

Studiare a Portofranco è gratis ma abbiamo bisogno del tuo aiuto perché continui a esserlo. Scopri come.
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Image
  • SKU
  • Rating
  • Price
  • Stock
  • Availability
  • Add to cart
  • Description
  • Content
  • Weight
  • Dimensions
  • Additional information
  • Attributes
  • Custom attributes
  • Custom fields
Click outside to hide the comparison bar
Compare
Compare ×
Let's Compare! Continue shopping